Collaborare al blog

La redazione del blog è formata da insegnanti e da studenti iscritti al Gruppo Ambiente Le Chimere.

La collaborazione al blog è aperta a tutti con alcune regole.

Per postare commenti agli articoli occorre lasciare nome e indirizzo mail  (il commento è sottoposto alla approvazione da parte della Redazione per evitare spam).

Per collaborare saltuariamente al blog con articoli veri propri occorre rivolgersi alla redazione che autorizzerà l’accesso al blog con il ruolo di “collaboratore”.

Per collaborare in modo continuativo con articoli veri e propri occorre essere iscritti al Gruppo Ambiente (si otterrà il ruolo di “autore” e maggiori privilegi di personalizzazione della pagina e di amministrazione del proprio spazio).

Ogni 10 articoli postati si potranno anche ottenere per questo anno scolastico 100 punti bonus per la propria classe (Concorso “Libretto di risparmio energetico”).

La Redazione cerca anche collaboratori come responsabili di sezioni del blog.

Per proporsi come autori/autrici o per entrare nella redazione inviare un profilo personale (nome cognome, classe, interessi e motivazioni alla collaborazione) al seguente indirizzo e-mail:

trentagatti@alice.it

sarete contattati dall’Amministratore del sito e capo della Redazione

netiquette (o, in parole facili: cosa non fare quando si scrive sul blog)

1) La pazienza dei lettori non è infinita: postate articoli di lunghezza sopportabile (40 righe massimo).

2) La pazienza dei lettori non è infinita: postate commenti sintetici (5, 6 righe), evitate commenti come “Beeeeelllloooo” o “Bruuutttoooo”. Non servono alla discussione e sono spam perché occupano spazio (e sarebbero eliminati).

3) Il blog non è un “fritto misto”: questo blog è tematico cioè di occupa di temi ambientali. Prima di postare un testo sul compleanno di vostra cugina controllate se l’argomento rientra nelle categorie di temi di cui si occupa il blog (natura, ambiente, scienza, rifiuti, energie, animali, software libero, eco-compatibilità e simili). Se vi piace bloggare dei fatti vostri potete procuravi uno spazio tutto vostro su Blogger. com o WordPress. com

4) Il blog non è un forum: se volete chattare o entrare in forum di discussione non è questo il luogo. Evitate di scambiarvi commenti ai commenti come fosse una chat ed evitate di litigare (altrimenti i vostri commenti saranno eliminati dalla redazione aumentando il lavoro della stessa inutilmente).

5) Usate un linguaggio corretto: nel blog si discute non si litiga, ci si ascolta, si legge con attenzione anche se si hanno opinioni molto diverse; ci si rispetta e confronta anche vivacemente ma senza saltarsi addosso.

6) Una forma di rispetto è anche controllare di non pubblicare testi pieni di errori di battitura, 0 ripetitivi (se avete espresso una opinione in un post e altri ve la commentano essendo contrari, non ha senso riscrivere la stessa opinione 10 volte … annoiate chi vi legge).

7) Usate un linguaggio semplice, non per iniziati, non pieno di abbreviazioni: se siete espertissimi di reattori nucleari o hardware per il routing stellare o del cinema ambientalista di un regista di Signa o Timbuctù ricordatevi che scrivete qui per informare chi esperto non è.

Buon lavoro e collaborate in tanti: questo blog vive se lo fate vivere, se no chiude.🙂

scrivete sul blog!

La redazione

2 Risposte so far »

  1. 1

    Silvia said,

    Complimenti per vostre iniziative e anche per il blog.
    Sono molto sensibile ai temi dell’ambiente e da anni cerco di ridurre la mia “impronta ecologica”. Spesso mi sento dire che il comportamento virtuoso del singolo non serve a niente se la massa continua a sprecare risorse senza avere la minima intenzione di cambiare.
    Io non credo che sia così. Quando, qualche volta, mi sento un po’ scoraggiata penso ad una storiella carina che vi voglio proporre:

    “Durante un incendio nella foresta, mentre tutti fuggivano, un colibrì volava in senso contrario con una goccia d’acqua nel becco. “Cosa credi di fare!” Gli chiese il leone. “Vado a spengere l’incendio!” Rispose il piccolo volatile. “Con una goccia d’acqua?” Disse il leone con un sogghigno di irrisione. Ed il colibrì, proseguendo il volo, rispose: “Io faccio la mia parte!”

    In bocca al lupo a tutti i colibrì!
    Silvia (mamma di D*)

    • 2

      Grazie: se ciascuno tenesse pulito il marciapiede davanti a casa propria non esisterebbero città sporche e se ciascuno insegnasse a un’altra persona a prendersi cura di un metro di mondo, il mondo sarebbe a posto e noi pure.
      W i colibrì (e anche i lupi)


Comment RSS · TrackBack URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: