Un Pupazzo di Neve? Fatevelo!

Per fare un pupazzo di neve (oltre che farselo con la neve, ma il problema è che poi tende a sciogliersi appena appeso all’albero di natale) si possono usare parecchi materiali non inquinanti.

Vi propongo due modi facili facili

Pupazzo di Neve di Lana o di cotone

Fate due palline, una più grande una più piccola, se usate la lana formando due gomitolini ben stretti; se usata il cotone prendendone una falda, sfioccandola e poi ricompattandola ben bene in forma di pallina.

Cucite le due palline insieme con un ago da lana lungo e tirando bene il filo per farlo scomparire al loro interno.

Per gli occhi potete o cucire due punti in croce con il filo nero o disegnarli con un pennarello. Per il naso prendete uno stecchino da denti, accorciatelo, mettete sul pezzetto che usate una goccia di colla e infilatelo nella testa del pupazzo. (se vi piacciono le braccine potete farle nello stesso modo, oppure usando dei pezzetti di scovolini da pipa – si comprano per 2 euro dai tabaccai – che sono in filo di ferro rivestito e si possono anche piegare in posizioni diverse, se usate gli scovolini infilateli nella lana e date un punto di cucito per fermarli)

Passiamo a vestire il pupazzo di sciarpa e cappello a cilindro

Prendete un pezzetto di cartoncino (o carta pesante) nero, tagliatene una strisciolina della alta un paio di centimetri e arrotolatela (fermandola con un po’ di colla o con due punti metallici) per formale il cilindro del cappello; poi tagliate un cerchio di cartoncino per formare la tesa del cilindro; a questo punto appoggiatevi sopra il cilindro e con la matita segnate il circolo interno – ritagliatelo con un taglierino ma lasciando qualche millimetro per poterlo piegare e incollare dentro il cilindro, dopo aver fatto qualche incisione con le forbici lungo la falda per poterla piegare e far rientrare nel cilindro. Incollatelo poi sulla testa del pupazzo. Per la sciarpa ritagliate da una vecchia stoffa colorata una strisciolina e annodategliela intorno al collo.

In cinque minuti e senza andare a comprare i soliti pupazzetti di plastica avrete un pupazzo di neve ecosostenibile da appendere all’albero (o dove vi pare…: sotto il camino per esempio).

Pupazzo di neve con pigne

Procuratevi (basta una giratina alle Cascine o in un parco pubblico – o forse anche nel giardino di scuola dato che ci sono dei pini) tante pigne di pino (o di abete, o anche coccole di cipresso) quanti sono i pupazzi che volete fare: servono così come sono (magari pulite, però) per i corpi dei pupazzi.

Preparate con cotone o lana una pallina di misura adatta alla pigna seguendo le istruzioni per i pupazzi di lana qui sopra. Decoratela con occhi e naso, cappello di cartoncino (o anche di stoffa se siete pazienti e volete cucire) e poi incollatela sulla pigna (la parte più larga della pigna è la base di appoggio). Attorno al collo mettetegli una sciarpina colorata e se volete esagerate incollate sotto la pigna un fiocco di cotone, come se fosse appoggiato sulla neve.

Buon lavoro ( e dopo natale, se non volete tenerli con voi, si smaltiscono nel cassonetto della differenziata col coperchio marrone – scarti di giardino e di cucina – , dato che sono fatti di materiali tutti naturali).
Naturalmente se fate qualche pupazzo e ci mandate le foto le pubblicheremo sul blog!
About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: